breaking news

Avellino| Scandalo Aias: Cgil all’attacco

Avellino| Scandalo Aias: Cgil all’attacco

19 Dicembre 2017 | by Marco Grasso
Avellino| Scandalo Aias: Cgil all’attacco
Attualità
0
Condividi

Il giorno dopo le dimissioni di Gerardo Bilotta e l’arrivo all’Aias dei commissari, la Cgil chiede garanzie sul pagamento degli stipendi arretrati. “Parliamo in molti casi di contratti part-time, di importi mensili di 500, 600 o 700 euro”.

In conferenza stampa con i lavoratori dei centri di Nusco, Calitri e Avellino il segretario della Funzione Pubblica Marco D’Acunto lancia un appello ai commissari. “Il centro di riabilitazione deve restare aperto e continuare a svolgere le attività per cui è nato”, preciso replicando a chi, nei giorni scorsi, aveva parlato di un sindacato silente. “Chiediamo un confronto immediato”.

Il sindacalista garantisce inoltre, carte alle mano, che la Cgil aveva chiesto da tempo chiarezza all’Aias di Roma e attaccato a più riprese l’Asl. “Abbiamo sempre fatto la nostra parte e le prime dichiarazioni rilasciate dai Commissari confermano che i soldi per pagare gli stipendi ci sono sempre state perchè le commesse erano più che sufficienti. Evidentemente quei soldi hanno preso strade diverse…”.

La Cgil non vuol sentire parlare di rischio tagli. D’Acunto ritiene che ci siano invece le condizioni per assumere con contratto a tempo indeterminato diversi professionisti utilizzati stabilmente presso le strutture Aias della provincia.

La rabbia dei lavoratori è tutta raccolta in un documento in cui si sottolinea come “sia stato assicurato alle comunità del territorio tutti i servizi necessari senza stipendi e in una precarietà economica vissuta per lunghissimo tempo e al di là di ogni sacrificio personale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com