breaking news

L’Unione Consumatori di Avellino chieste un commissario per gestire la Sanità in Irpinia

L’Unione Consumatori di Avellino chieste un commissario per gestire la Sanità in Irpinia

17 Marzo 2020 | by Redazione Av
L’Unione Consumatori di Avellino chieste un commissario per gestire la Sanità in Irpinia
Attualità
0

Come Unione Nazionale Consumatori raccogliamo l’appello lanciato dal medico di famiglia Dottor Bruno Aliberti per associarci a lui in questo momento difficile per la nostra comunità. È noto che nei momenti più critici emergono le inefficienze e la disorganizzazione, i quali in tempi di pace sono meno evidenti. La proposta di un Commissario Unico per la sanità nella nostra provincia, renderebbe la gestione della crisi, in cui ci stiamo avviando con risvolti imprevedibili, sicuramente più gestibile. Oggi registriamo, con sgomento, grida di allarme da parte dei cittadini che non riescono a contattare i medici del 118, nè i medici delle prevenzione, nè gli addetti per la destinazione dell’attività di sorveglianza. Ci risulta che non sempre chi è tornato dal nord, zone rosse e non, sa come fare per comunicare il suo status agli organi competenti, che a loro volta in alcuni casi non hanno dato corrette informazioni, perché in questa fase è mancata una regia univoca e puntuale. I medici di famiglia, impauriti, sono senza dispositivi di sicurezza e così il personale sanitario dell’ASL, almeno sul territorio. Non poche difficoltà ha avuto l’ospedale Moscati di Avellino all’arrivo dei casi positivi al COVID-19 di Ariano. In verità, osserviamo con occhio attento l’evolversi della situazione ed esprimiamo viva preoccupazione per la sorte della popolazione irpina. Il caos registrato ad Ariano poi culminato con una chiusura a ripetizione del pronto soccorso ed altri reparti è sintomo di un’organizzazione sanitaria carente, non ultimo le dimissioni del Direttore Sanitario dell’Ospedale Frangipane di Ariano. Per l’occasione ci sentiamo di esprimere gli auguri di buon lavoro al nuovo Direttore Sanitario dell’Ospedale, dr. Angelo Frieri, uomo esperto di sanità e di grande umanità. Il DG dell’ASL fino ad ora non ha adottato alcun provvedimento fattivo nonostante la dichiarazione di due domeniche fa allorquando disse: “Non guarderemo in faccia a nessuno, chi ha sbagliato pagherà”, ma, a quanto pare, si sono dispersi i responsabili. Cosa dobbiamo aspettare che accada per invocare un effettiva gestione unitaria di questa crisi con una persona nuova che assommi in sé i poteri decisionali e di coordinamento unico della nostra realtà sanitaria? De Luca batti un colpo.

Avv. Fabrizio Monaco – Unione Nazionale Consumatori Avellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com