breaking news

Benevento| CUB: I sette Vigili Urbani positivi al Covid19 sono uno dei più grossi focolai in città negli ultimi mesi. Perchè non sono stati messi in quarantena dopo i primi casi?

Benevento| CUB: I sette Vigili Urbani positivi al Covid19 sono uno dei più grossi focolai in città negli ultimi mesi. Perchè non sono stati messi in quarantena dopo i primi casi?

22 Ottobre 2020 | by Redazione Bn
Benevento| CUB: I sette Vigili Urbani positivi al Covid19 sono uno dei più grossi focolai in città negli ultimi mesi. Perchè non sono stati messi in quarantena dopo i primi casi?
Attualità
0

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa di CUB Benevento nella persona di Marcelo Amendola:

“Sono diventati sette i Vigili Urbani contagiati da Covid19 perché dopo i primi quattro delle scorse settimane, questa mattina sono stati comunicati i risultati positivi di altri tre agenti che però, per sei giorni in attesa del referto, hanno continuato a svolgere il servizio a contatto con utenti ed altri colleghi.  I vigili, infatti, non sono stati messi in quarantena, come fa normalmente la ASL per i soggetti a contatto con casi positivi, eppure quelli contagiati lavorano di pattuglia ma anche in vari uffici e quindi sarebbe stato necessario non solo effettuare la sanificazione dei locali ma soprattutto evitare che proprio la Polizia Municipale diventasse uno dei più grossi focolai di Benevento negli ultimi mesi. Bisogna anche chiarire perché alcuni vigili hanno dovuto effettuare il tampone presso il laboratorio privato Centro Delta (della famiglia Porcaro – Mignone), tutti esaminati in poche ore con esito negativo, mentre altri sono andati alla ASL ed hanno dovuto attendere sei giorni per conoscere il risultato (tre positivi).  Se i tamponi del laboratorio privato sono idonei a certificare il contagio da Covid19, perché i Vigili hanno dovuto effettuare i tamponi alla ASL ed attendere quasi una settimana?

Se al contrario, il Centro Delta non è accreditato dalla Regione per tamponi Covid19 (come denunciato da Altrabenevento) allora la ASL deve chiarire perché circa 50 dipendenti comunali di palazzo Mosti e lo stesso sindaco Mastella sono stati considerati negativi a seguito del test nasofaringeo effettuato in quel laboratorio privato. Considerata la gravità della situazione che coinvolge direttamente un corpo di Polizia, riteniamo necessario un intervento del Prefetto.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com