breaking news

Covid-19, il sindaco Festa: presto l’avvio dei vaccini, ad Avellino rapporto positivi-tamponi sotto il 3%

Covid-19, il sindaco Festa: presto l’avvio dei vaccini, ad Avellino rapporto positivi-tamponi sotto il 3%

16 Febbraio 2021 | by Redazione Av
Covid-19, il sindaco Festa: presto l’avvio dei vaccini, ad Avellino rapporto positivi-tamponi sotto il 3%
Attualità
0
Condividi

Dobbiamo affrontare l’ultima fase della pandemia con lucidità, senza abbassare la guardia. L’avvio della campagna di vaccinazione è imminente. Intanto, sono pronto ad intervenire, da buon padre di famiglia, di fronte ad assembramenti e comportamenti sbagliati. Nel complesso, però, ringrazio tutta la comunità per il comportamento e l’impegno profuso. I dati attuali sono incoraggianti”.

Lo afferma il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, nella sua consueta diretta facebook, durante la quale parla dell’emergenza sanitaria e della collegata questione scuola. E annuncia la volontà dell’amministrazione comunale di bandire un concorso fotografico dedicato a Massimo D’Argenio, compianto fotoreporter scomparso alla vigilia di Natale a causa del Covid.

Nonostante quanto affermino i campioni della critica, i maestri e i guru del virus – dice in sostanza il primo cittadino del capoluogo irpino – il rapporto tra tamponi e positivi al Covid-19 in città è sotto il 3%, un terzo rispetto al resto della Campania. Dall’inizio della pandemia ormai è passato circa un anno. Un anno di privazioni, nel corso del quale abbiamo dovuto cambiare stile di vita e modo di essere. Molti hanno perso i loro cari, senza potergli stare vicino e a volte non si è potuto celebrare neanche il funerale. Rispetto a tutti questi sacrifici manca, però, ancora l’ultimo miglio. E in settimana cominceranno i vaccini nella tensostruttura del Campo Coni”.

Poi Festa parla delle scuole e conferma come per le superiori non si è ancora pronti a ripartire con la certezza di un rischio contenuto visto che il 70% degli studenti proviene dalla provincia. “Ogni giorno – aggiunge – nonostante il grande lavoro dei miei colleghi sindaci, ai quali va un saluto e un grande incoraggiamento, abbiamo notizie di cluster in un paese o in un altro. In questa situazione non posso che mantenere la Dad. Per la scuola dell’infanzia, elementari e medie, tenute aperte alle lezioni da una legge nazionale, per fortuna, invece, non ci sono le condizioni sanitarie che possano giustificarne la chiusura della didattica in presenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com