breaking news

Estorsione, ai domiciliari due uomini di Dugenta/

Estorsione, ai domiciliari due uomini di Dugenta/

28 Novembre 2021 | by redazione Labtv
Estorsione, ai domiciliari due uomini di Dugenta/
Cronaca
0
Condividi

A seguito di indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, i Carabinieri della Stazione di Dugenta, nel pomeriggio di venerdì, hanno dato esecuzione alla misura cautelare personale degli arresti domiciliari a carico di due soggetti, originari di San Felice a Cancello (CE) ma domiciliati in Dugenta, rispettivamente di anni 54 e 27, gravemente indiziati dei reati di estorsione in concorso avvenuta nel mese di gennaio 2021 e, solo il primo anche di tentata estorsione aggravata verificatasi nell’estate del 2020. 

Il provvedimento in questione, emesso dalla Dodicesima Sezione Penale del Riesame del Tribunale di Napoli a seguito di appello proposto dalla Procura di Benevento avverso l’ordinanza del locale G.I.P. e confermato dalla Corte di Cassazione, adita dalla difesa degli indagati, trae origine dall’attività posta in essere dai militari dell’Arma di Dugenta dalla fine del mese di gennaio 2021 a seguito della denuncia sporta da un pastore di Limatola per minaccia aggravata e invasione di terreni e successivamente per l’aggressione patita dallo stesso che vide l’intervento di un militare dell’Arma, libero dal servizio, il quale evitò più gravi conseguenze. 

Le indagini permettevano di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico del 54enne che, nell’estate del 2020, aveva minacciato il denunciante, mostrandogli una pistola a tamburo al fine di costringerlo a lasciare libero il terreno per il pascolo mentre successivamente i due, nel mese di gennaio 2021, in concorso ed unione con il soggetto di Durazzano, avevano posto in essere condotte di violenza e minaccia consistite prima in telefonate di “avvertimento” per poi terminare con l’aggressione del  28 gennaio 2021 allorquando la vittima fu oggetto di aggressione mediante l’uso di bastoni, seguita da ulteriori frasi minacciose che lo costringevano a lasciare i terreni a lui regolarmente in uso e consentivano agli indagati di trarre un ingiusto profitto consistito nello sfruttamento dei terreni in questione.  

I due arrestati, dopo le formalità di rito, venivano ristretti presso le rispettive abitazioni in regime di arresti domiciliari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com