breaking news

Benevento| De Caro: “non sono grillo parlante ma su Governo e Mastella giudizi largamente previsti”

Benevento| De Caro: “non sono grillo parlante ma su Governo e Mastella giudizi largamente previsti”

12 January 2019 | by Enzo Colarusso
Benevento| De Caro: “non sono grillo parlante ma su Governo e Mastella giudizi largamente previsti”
Politica
0

Torna Umberto del Basso De Caro. Il Capataz, sempre più di rado in città e sempre più atarassico, almeno in apparenza, circa le sorti di un PD locale in fase di trasformazione, è transitato a Corso Garibaldi presso i gazebo allestiti dai Dem in occasione della mobilitazione nazionale «Mille NO alla manovra delle tasse e delle bugie» contro la politica economica del Governo Lega-Movimento5Stelle. Umberto affronta il tema della pressione fiscale. “La legge di Bilancio varata nella notte del 30 dicembre mette le mani nelle tasche degli italiani e la pressione fiscale non calerà ma passerà dal 42 al 42,4%, è un dato inoppugnabile”. De Caro cita i dati forniti dal Direttore dell’Ufficio Programmazione e Bilancio della Camera in audizione e parla di visioni dicotomiche in tema di politica economica e finanziaria tra i due contraenti di Governo. Quota 100 e Reddito di Cittadinanza, orizzonti nebulosi, secondo De Caro. Paletti e restrizioni per la più grande proposta politico-elettorale dei pentastellati. Ma il nocciolo del discorso per Umberto è stabilire quale ratio concedere al Reddito; se un ammortizzatore sociale temporaneo oppure un vero e proprio sussidio permanente che inevitabilmente condurrebbe alla disicentivazione del lavoro e dritto dritto al nero.  Rapporto Nord Sud e federalismo fiscale. Per De Caro la forbice è destinata ad allargarsi. Autonomie e trattenimento del maggior gettito nel luogo dove si produce il reddito porterà inevitabilmente alla progressiva frammentazione del Paese in due tronconi tra di loro non comunicanti. 

Non è mancato il riferimento alla situazione di Benevento. De Caro, come è nel suo aplomb, lancia stilettate alla gestione mastelliana del Comune. “31 mesi di governo danno l’esatta percezione di quanto sia deficitaria l’azione amministrativa di Mastella, basta chiederlo ai cittadini. Non mi piace fare il grillo parlante ma avevo previsto la debacle amministrativa. Penso che il PD debba fare la sua parte in vista di un non lontano ritorno alle urne organizzando da subito un progetto alternativo e credibile e non il trito libro dei sogni. Occorre, ha concluso Del Basso De Caro, fare riferimento a persone che abbiano un alto grado di accoglimento presso l’opinione pubblica cittadina”.   

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *