breaking news

Comune Benevento, il Codacons sulla gestione del dissesto

Comune Benevento, il Codacons sulla gestione del dissesto

8 Settembre 2021 | by Redazione Bn
Comune Benevento, il Codacons sulla gestione del dissesto
Politica
0
Condividi

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa del Codacons Benevento:

“Come giudicare un Sindaco ? Sulla base di quello che si è fatto o che non si è fatto tenendo conto dei poteri che la legge assegna all’Amministrazione locale.Da questo punto di vista l’Associazione effettuerà una breve analisi di ciò che è avvenuto negli ultimi 5 anni a Benevento, cominciando ad analizzare la politica sui tributi e le tariffe.

Sul punto però l’Amministrazione è partita gravandosi e gravandoci di una zavorra legale. Sin da subito infatti il nuovo Sindaco ha ritenuto di rompere con il passato. Il problema è che con la Delibera di Dissesto del gennaio 2017, adottata a pochi mesi dall’insediamento, egli ha rotto anche con il futuro visto che da allora noi cittadini abbiamo perso la speranza e per un lungo periodo , in virtù degli obblighi di legge connessi alla dichiarazione di fallimento municipale, di ottenere tariffe o tributi più bassi.Senza contare che da allora moltissime famiglie, quelle dei titolari e dei dipendenti delle ditte creditrici del Comune che non hanno ottenuto pagamenti per le prestazioni rese prima della dichiarazione di dissesto, nella migliore delle ipotesi devono raschiare dal fondo dei propri risparmi, nella peggiore sono condannate a frequentare il girone dei questuanti.Ora, carissimi concittadini, è questo quello che volevate ? Che il Sindaco appena nominato dichiarasse fallimento dopo 6 mesi? Per questo lo avevate eletto ?

E che dire adesso che dopo 5 anni la Commissione responsabile della gestione dei debiti pregressi dei 142 milioni posti a giustificazione della dichiarazione di fallimento ne ha ammessi a pagamento solo 27. Che fine hanno fatto gli altri ? Qualcuno può fornire un minimo di spiegazione decente ad una domanda semplice ?Non è che la dichiarazione di fallimento e l’ipoteca che da essa nasce sul futuro delle scelte amministrative venne adottata con troppa fretta ?

E che dire di coloro che sarebbero secondo Mastella responsabili del fallimento. Il candidato del PD alle precedenti elezioni appoggia apertamente il nostro ed autorevoli rappresentanti di quel ceto politico accusato da Mastella all’atto della declaratoria del dissesto di aver condotto al fallimento l’Ente risultano cooptati nelle liste dell’ex Ministro; forse il Sindaco li candida per premio ? Difficile crederlo. Senza contare che dalle fila dei mastelliani pentiti (che spesso si pentono pure di essersi pentiti) proviene pure l’ex Sindaco Pepe.Qualcuno tra gli autorevoli candidati che si contendono il campo o le spoglie di questa martoriata città può parlare di tariffe e tributi senza autocondannarsi ? I cittadini attendono con ansia (o rassegnazione) risposte amministrative; possibilmente non attraverso telefonate pre registrate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com