breaking news

Matera, FdI: “Potenziamento dell’ospedale di Sant’Agata sarebbe un sollievo anche per il Rummo”

Matera, FdI: “Potenziamento dell’ospedale di Sant’Agata sarebbe un sollievo anche per il Rummo”

3 Settembre 2022 | by Enzo Colarusso
Matera, FdI: “Potenziamento dell’ospedale di Sant’Agata sarebbe un sollievo anche per il Rummo”
Politica
0

Il candidato di Fratelli d’Italia al proporzionale per il Senato Domenico Matera interviene sulla questione relativa all’ospedale San Pio. “Abbiamo appreso dalla stampa della situazione molto complicata che si registra presso l’ospedale San Pio di Benevento dove, nelle scorse ore, è stata sfiorata la dimissione in massa dei medici del Pronto Soccorso. Da mesi, del resto, le cronache ci parlano, con riferimento a questo reparto, di situazioni estremamente difficili caratterizzate da ore di fila per i pazienti e ritmi insostenibili per il personale in servizio.

 

Il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca, intanto, nei giorni scorsi è giunto ad Airola per l’inaugurazione del Centro anti diabete ed ha rinnovato i proclami di sempre sul Sant’Alfonso Maria de’ Liguori di Sant’Agata de’ Goti.
Sono le solite promesse che De Luca ci propina da anni: la realtà è che l’ospedale santagatese si sta progressivamente impoverendo di servizi, reparti e personale con il Pronto Soccorso che, di fatto, è disattivato.

 

Ebbene, il potenziamento dell’ospedale santagatese sarebbe funzionale a garantire adeguati servizi di assistenza sanitaria per un’ampia fascia di territorio e, pertanto, alleggerirebbe i carichi di lavoro divenuti ormai insostenibili sul Rummo.
Abbiamo bisogno di questo genere di risposte e non di sterili e vuoti proclami che sono solo offensivi dell’intelligenza delle persone.
In più desta anche preoccupazione il fatto che, come parrebbe, nessun professionista medico abbia risposto ai vari bandi del San Pio per il potenziamento del personale.
Siamo al cospetto di quella che è una vera e propria urgenza che finisce per ricadere, in ultimo, sul cittadino.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *