breaking news

Assoprovider apre la sua prima sede regionale in Campania. Presente il deputato M5S Michele Gubitosa

Assoprovider apre la sua prima sede regionale in Campania. Presente il deputato M5S Michele Gubitosa

27 September 2019 | by redazione
Assoprovider apre la sua prima sede regionale in Campania. Presente il deputato M5S Michele Gubitosa
Attualità
0

L’associazione inaugura uno spazio per favorire l’incontro tra le realtà storiche delle tlc e le startup, alla presenza della politica nella persona di Michele Gubitosa (M5S)

Nasce Assoprovider Campania, la sede regionale dell’associazione dei provider indipendenti nell’incubatore e spazio di coworking La Stecca a Torre del Greco. Presenti all’evento i membri del consiglio direttivo, il presidente Dino Bortolotto, il tesoriere Matteo Fici , il consigliere Antonella Oliviero e gli ideatori del progetto Campania, Marcello Cama e Antonio Aprea. 

L’evento ha visto anche la partecipazione di aziende e startup del settore che hanno raccontato le loro innovazioni e le potenziali collaborazioni con il circuito di Assoprovider, e la presenza della politica nella persona di Michele Gubitosa (M5S) che ha dimostrato la sua vicinanza alle istanze degli operatori delle tlc:

«Il ruolo dei provider indipendenti è fondamentale anche oggi, con intere zone nelle quali i grandi operatori non hanno alcuna volontà di investire. Io porto la mia esperienza di imprenditore e so bene quante aziende sono state letteralmente salvate dal lavoro dei piccoli operatori delle tlc», ha spiegato Gubitosa durante il confronto che ha avuto con i membri dell’associazione.

Gubitosa: «Lavoreremo per aiutare le piccole e medie aziende»

Gubitosa ha confermato l’impegno già assunto in occasione dell’assemblea nazionale di Roma di seguire da vicino le istanze dei piccoli operatori delle tlc, in tematiche molto sentite come il “nodo frequenze”:

«L’incontro di Roma è servito per ascoltare le esigenze dell’associazione. A questo seguiranno altre fasi nelle quali decideremo insieme quali sono i tre punti più urgenti da mettere in agenda. Una volta stabiliti i punti, mi farò promotore nelle sedi istituzionali appropriate per trovare delle soluzioni condivise», continua Gubitosa.

La prima casa regionale di Assoprovider

Presente all’evento il presidente dell’associazione Dino Bortolotto, che ha salutato con entusiasmo l’iniziativa che segna un’altra data storica per l’associazione:

«Questo è il primo esperimento di Assoprovider su scala regionale, lavoreremo per portare l’associazione in altre Regioni, a partire dalla Toscana», ha svelato Bortolotto, mentre il tesoriere Matteo Fici, ha sottolineato “l’importanza dello spazio per favorire una collaborazione sempre più stretta tra l’associazione e le startup del territorio”.

Il progetto Assoprovider Campania è stato ideato e sviluppato da due membri del consiglio direttivo, Antonio Aprea e Marcello Cama, che vogliono in questo modo “far crescere la community dell’associazione con nuove energie e spinte per aumentare il proprio peso nelle sedi istituzionali”.

La partnership con La Stecca

La sede campana dell’associazione è ospitata all’interno dello spazio “La Stecca”. La direttrice, Giuliana Esposito, ha spiegato i vantaggi della partnership con i provider indipendenti:

«Lo spazio nasce come luogo di contaminazioni e saperi. Assoprovider porterà la sua grande esperienza nelle tlc e la metterà a servizio dei tanti giovani che hanno idee di valore, ma una scarsa possibilità oggi di poterle diffondere su scala nazionale. La rete di Assoprovider, che può contare su più di 200 aziende, servirà a favorire la scalabilità delle loro idee».

 Assoprovider è l’associazione che dal 1999 riunisce i primi fornitori di Internet (gli Internet Service Provider) che hanno contribuito con le loro battaglie contro le multinazionali a diffondere la Rete nel Paese. Tra le conquiste dell’associazione, l’approvazione della “Legge Salvaprovider”, che ha equiparato gli ISP agli operatori telefonici. E la liberalizzazione del WIFI nei locali aperti al pubblico o aree confinate di frequentazione pubblica.

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *