breaking news

Benevento| Apertura scuole, Furno (Pd): il signor 100.000 voti qua in città è solo il sindaco dalle 100.000 scuse

Benevento| Apertura scuole, Furno (Pd): il signor 100.000 voti qua in città è solo il sindaco dalle 100.000 scuse

23 Settembre 2020 | by Redazione Bn
Benevento| Apertura scuole, Furno (Pd): il signor 100.000 voti qua in città è solo il sindaco dalle 100.000 scuse
Attualità
0

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa di Antonio Furno, membro del coordinamento del Circolo PD di Benevento.

“In Lombardia, la regione più colpita dalla crisi del Covid, la scuola è iniziata il 14 settembre. A Benevento, la città che avrebbe dovuto essere “Covid free”, la scuola inizierà forse il primo ottobre. In questi 16 giorni di differenza c’è tutto il dramma di una città e di una provincia malgovernate. Clemente Mastella, che controlla Comune e Provincia di Benevento, è l’uomo politicamente responsabile di questa situazione. Gli studenti sono stati cacciati dalle loro scuole prima dal Covid e adesso da un’ordinanza del sindaco che, come suo solito, chiude tutto. Il disinteresse per la scuola è tale che Mastella aveva inizialmente chiuso anche le scuole paritarie che nel frattempo erano riuscite ad aprire, per poi dover fare una nuova ordinanza e rettificare che solo gli studenti della scuola pubblica non potranno iniziare le lezioni. Se il sindaco avesse dedicato alla scuola una frazione del tempo che egli ha speso nell’organizzazione di concerti e feste in piazza, oggi ci troveremmo probabilmente con i plessi scolastici in ordine e pronti ad affrontare il nuovo anno scolastico. Sappiamo già che a queste osservazioni il sindaco risponderà che non è colpa sua, che i soldi sono arrivati tardi, che lui si preoccupa per il bene dei bambini e che non vuole problemi. E, molto probabilmente, ci inserirà qualche invettiva. Però, ormai, sono più di quattro anni che questo sindaco non è responsabile di nulla se non delle proprie campagne elettorali. Il signor 100.000 voti qua in città è solo il sindaco dalle 100.000 scuse.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com