breaking news

Avellino| Al Moscati test genetico sui tumori, Gridelli: ora terapia personalizzata ancora più precisa

Avellino| Al Moscati test genetico sui tumori, Gridelli: ora terapia personalizzata ancora più precisa

27 Ottobre 2021 | by Redazione Av
Avellino| Al Moscati test genetico sui tumori, Gridelli: ora terapia personalizzata ancora più precisa
Attualità
0
Condividi

Si implementano ulteriormente le attività onco-ematologiche dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino, inserita nella Rete Oncologica Campana. Con i fondi messi a disposizione dalla Regione è stato infatti strutturato un progetto ed è stato acquistato un macchinario per effettuare i test genetici dei tumori. Applicando le tecnologie di sequenziamento di ultima generazione (NGS, Next Generation Sequencing) è ora possibile presso l’Azienda “Moscati” – prima Azienda ospedaliera in Campania (le altre strutture sono l’Istituto Pascale e l’Università Federico II di Napoli) – analizzare il tessuto tumorale e identificare eventuali alterazioni genetiche.

«L’analisi genetica completa dei tumori con NGS rappresenta l’ultimo tassello del grande lavoro che stiamo portando avanti in campo oncologico – sottolinea Cesare Gridelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia dell’Azienda “Moscati” –. Adesso che siamo in grado di identificare il gene alterato, possiamo adottare quelle specifiche terapie molecolari già disponibili nell’ambito della pratica clinica o a livello sperimentale».

Dopo il prelievo del tessuto tumorale, vengono effettuati, presso l’Unità operativa di Anatomia Patologica, diretta da Giovanni De Chiara, l’esame istologico e la preparazione del materiale per eseguire l’analisi genetica; il sequenziamento è invece affidato a Maria Luisa Ventruto, dirigente biologa del Laboratorio di Genetica. «Un’attività multidisciplinare – conclude Gridelli –, al Moscati già collaudata e che può contare sul supporto del manager Renato Pizzuti e di tutta la Direzione Strategica, che ci consente di raggiungere il virtuoso obiettivo di approntare la migliore terapia possibile per il paziente oncologico».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com